prova immagine

mmm

asottani_presentazione_page-0069Ringraziamo Giustino Mezzalira che proprio ci ha aperto lo sguardo sulle possibilità attuali, anche tornando a metodi antichi. Ricordo di aver letto alcuni studi di dello storico Tiziano Tempesta il quale proprio metteva a confronto l’agricoltura tradizionale del Veneto con tutta la modernizzazione a partire dagli anni cinquanta, e anche lui faceva riflettere sui temi innovativi, sulle cose di cui ci ha parlato appunto Giustino Mezzalira.

Noi abbiamo pensato appunto di chiedere anche a chi lavora, di ascoltare insomma la voce di chi la terra la lavora e vive di quello perché anche a noi di StoriAmestre in un incontro ci è stato detto che purtroppo gli ambientalisti abitano tutti in città ed “è per questo – diceva questa persona – che io ho detto e dico spesso “Ma perché non vi mettete in 4 o 5, facciamo un’azienda, la facciamo assieme. Prendetevi qualche ettaro in affitto; allora si capiscono i problemi, allora c’è un ponte ideale”.

Chi parlava era Luca Lazzaro del direttivo CIA, Confederazione Italiana Agricoltori della città metropolitana, laureato in Scienze Agrarie con una tesi sull’inquinamento da reflui zootecnici e un Dottorato di Ricerca su inquinamento delle acque di falda da fitofarmaci e loro ecotossicologia. Noi di storiAmestre lo abbiamo incontrato nelle riunioni per il Contratto di fiume Marzenego e c’è subito piaciuto sia per la competenza che per la concretezza e per la capacità di dire le cose senza insomma girarci intorno. Nel sito www.ilfiumemarzenego.it

QUA QUA
questa è una caption
Passa col mouse per ingrandire

con wp-caption

sottani-12

 

Post navigation